Nominativi approvati dalla regione Piemonte per assegni di studio 2014/15 e 2015/16

Riceviamo e pubblichiamo le comunicazioni dalla regione Piemonte alle famiglie.
Terminata l’istruttoria delle istanze ricevute, il 30 dicembre 2016 la Regione Piemonte, con la Determinazione Dirigenziale n. 1128 del 30/12/2016,  ha approvato la graduatoria provvisoria delle domande di assegno di studio ammesse (finanziate e non) relative ai bandi per gli anni scolastici  2014/2015 e 2015/2016.  Il 3 gennaio 2017, con la Determinazione  Dirigenziale n. 1, sono stati approvati gli elenchi delle domande irricevibili e delle domande non ammissibili.
Per ragioni legate alla tutela della riservatezza degli interessati, al posto della graduatoria viene qui pubblicato l’elenco dei beneficiari in ordine alfabetico, accanto agli importi degli assegni di studio concessi, per anno e tipologia.
Eventuali informazioni sulla posizione in graduatoria possono essere richieste via mail alla casella bandoassegni2016@regione.piemonte.it

E’ quindi possibile consultare:

Il contributo regionale (l.r. 28/2007, art. 12) riguarda:

  • assegno di studio per iscrizione e frequenza per gli anni scolastici 2014/2015 e 2015/2016;
  • assegno di studio per spese di libri di testo, attività integrative previste dai piani dell’offerta formativa, trasporti per gli anni scolastici 2014/2015 e 2015/2016.

Il contributo statale (l. 448/1998) riguarda invece l’acquisto di libri di testo obbligatori per l’anno scolastico 2015/2016.

La domanda al contributo regionale ed a quello statale può essere presentata esclusivamente accedendo con le opportune credenziali all’applicazione “Accedi alla compilazione” disponibile alla pagina www.sistemapiemonte.it/assegnidistudio. Non è ammessa nessun’altra modalità di presentazione della domanda.

Per ulteriori informazioni consultare la pagina: http://www.regione.piemonte.it/istruzione/bandi_2014_2016.htm

N.B. "L'indicatore ISEE da riportare nella domanda di contributo deve essere riferito all'anno 2016. La data di sottoscrizione della relativa DSU deve pertanto essere successiva al 1 gennaio 2016."