Progetto tirocinio formativo e alternanza scuola/lavoro

Tirocinio formativo  ESTIVO obbligatorio per la CLASSE II° di 200 ore.

Lo stage è una preziosa occasione di osservazione di processi lavorativi reali con una partecipazione attiva da parte dello studente che verrà poi valutato da un tutor al termine del periodo previsto.  Il percorso organizzativo prevede cinque fasi:

  • La pianificazione : conoscenza delle aree di professionalità  individuando i giacimenti formativi e le risorse umane offerte dal territorio;
  • La progettazione vede coinvolti tre fattori :

- le esigenze del percorso formativo scolastico
- le aspettative delle aziende in termini di fabbisogni professionali
- le attese degli studenti

  • La programmazione didattica dello stage:

- la gestione;
- la preparazione degli studenti e i contatti con le aziende.

  • La fase di realizzazione.

La valutazione dello stage da parte dell’istituzione scolastica, dell’azienda e dello stagista.

L'attività prevede l'inserimento di uno o due allievi per Azienda ospitante; il tutor dell'esperienza è il docente di Laboratorio; l'esperienza è regolata, secondo gli articoli di legge, da una convenzione e da un contratto formativo stipulato fra scuola e azienda, in cui si fa riferimento anche alla copertura assicurativa. Le aziende ospitanti valutano il comportamento degli allievi e le loro competenze su una scheda. Le risultanze e la documentazione vengono raccolte nel portfolio ed inserite nella valutazione dell'esame di Qualifica professionale regionale.

ALTERNANZA SCUOLA /LAVORO

L’alternanza scuola-lavoro è uno straordinario strumento di orientamento, anche per i ragazzi che decidono di proseguire gli studi verso un percorso universitario. Permette loro di toccare con mano le realtà mutevoli che li aspettano quando si cimenteranno con il mondo del lavoro, di capire i propri punti di forza e di debolezza, di scoprire le proprie passioni e, dunque, di fare scelte più adeguate e consapevoli per il loro futuro.

Con la Legge n. 107/2015, i percorsi di alternanza scuola-lavoro, di cui al D.Lgs. 77/2005, sono attuati negli istituti tecnici e professionali per una durata complessiva di almeno 400 ore nel triennio.

In conseguenza dell’obbligatorietà di nuova introduzione, si rende a questo punto necessaria una strategia di attuazione dei percorsi di alternanza scuola-lavoro che possa diversificare le modalità e gli approcci, rispondendo alle esigenze e ai bisogni formativi degli studenti.

L’obbligatorietà di tali percorsi si applica  a TUTTI gli alunni a partire dalle classi terze dell’anno in corso.

Verranno riconosciute nell’ambito dei percorsi di alternanza scuola-lavoro le seguenti esperienze organizzate dalla scuola, secondo il progetto dell’Istituto di Alternanza Scuola Lavoro.

A titolo di esempio :

  • Attività di volontariato coerenti con profili lavorativi presso enti o associazioni
  • Visite aziendali
  • Incontri con esperti dell’università e del lavoro
  • Incontri con esperti su tematiche attinenti al mondo del lavoro (enogastronomia, economia, organizzazione, management)
  • Formazione sulla sicurezza
  • Corsi in preparazione alle certificazioni linguistiche
  • Corsi di lingua durante gli stage linguistici
  • Project work commissionati da un’impresa o un ente
  • Progetti di imprenditorialità (Giornalino, Teatro, Canora, Parlamento Europeo degli studenti)