Apprendisti Ciceroni 2014

Sabato 22 e domenica 23 marzo 2014  quattordici alunni del Liceo Linguistico (Castelletta G. - De Nigris L. - Mazzone M. - Sandon A.- Tibaldi R.- Schmidt A. - Tressoldi G. - Bacchella M.- Guenzi N. - Mura G. - Oggioni S. - Ponti V. - Tibaldi I. - Uzzeni G.) parteciperanno come Apprendisti Ciceroni alla XXII Giornata del FAI di Primavera.
Presenteranno in lingue comunitarie la Villa Faraggiana di Meina progettata dall’architetto Busser, la villa era compiuta nel 1855. È l’anno in cui la ferrovia arriva ad Arona, rendendo Meina facilmente raggiungibile da Novara e da Genova. Il cantiere prese avvio nel 1852, per edificare una dimora pensata e voluta come luogo di villeggiatura dopo che, nel 1841, Alessandro Faraggiana e suo fratello maggiore Giuseppe avevano consensualmente diviso l’enorme patrimonio ereditato dallo zio materno Giovanni Maria De Albertis. La Villa venne utilizzata come luogo di villeggiatura dal senatore del Regno d'Italia Raffaello Faraggiana (1841-1911), che qui risiedeva spesso, con la moglie Caterina ed i figli, Alessandro e Guido. Fu proprio la madre, cugina del noto esploratore Ugo Ferrandi, a trasmettere al figlio la passione per lo studio degli animali e per le scienze naturali: il grande parco di Villa Faraggiana ospitò una cospicua collezione di animali, sia vivi che impagliati, frutto dei viaggi in Africa di Alessandro, ed un Museo zoologico: oggi la collezione è parte integrante del Museo di Storia Naturale "Faraggiana Ferrandi", a Novara. Morti i primi proprietari la villa, inutilizzata dagli eredi, divenne durante la guerra luogo di rifugio per sfollati, soldati ed ebrei superstiti. Nel 1949 i discendenti dei Faraggiana donarono il complesso alle Suore dell'Ordine delle Poverelle, di Bergamo, che dapprima la destinarono ad orfanotrofio e più tardi a convalescenziario.