Progetto Bioetica

Inizierà  venerdì 21 Dicembre 2012 un percorso di Bioetica che coinvolgerà tutti gli alunni del triennio dell'Istituto.
L’idea di questo progetto nasce dall’esperienza di vita scolastica, nella quale sono molte le richieste da parte degli alunni d’informazione e chiarimenti sui temi di bioetica, tutti complessi e nuovi per la cultura che la maggioranza della popolazione scolastica possiede. Il progetto prevede una serie di incontri a forte valenza pedagogica e didattica in modo da aiutare gli alunni a scoprire e valorizzare la propria identità, a fornire le principali informazioni scientifico-giuridiche ed etico culturali su temi bioetici di rilevanza sociale,a favorire una riflessione più attenta alla centralità dell’uomo e a favorire una elaborazione personale dei contributi della scienza in ordine ai grandi temi della vita.
Le lezioni verranno affrontate anche con l’aiuto di un supporto filmico,  strumento simbolico, narrativo, fonte delle suggestioni più diverse.
Il film presenta prospettive inedite, nella descrizione della realtà; per conseguenza: affina la capacità di analisi e di dialogo, richiama un contesto pluralistico,
mette alla prova i pensieri morali, permette di percepire in maniera vivida e critica i valori in conflitto.
Il primo film che verrà proiettato sarà per gli alunni di quinta "Lo scafandro e la farfalla" dove l’uomo travolto da un’improvvisa, terribile tragedia scopre la sua vera natura e il senso più profondo della vita.
Premio per la miglior regia a Cannes, quattro nomination agli Oscar. Il bellissimo e commovente “Lo scafandro e la farfalla” del regista americano Julian Schnabel, racconta in 112 minuti la vicenda drammaticamente reale del francese Jean-Dominique Bauby. Colpito da ictus all’età di 42 anni, Bauby (autore di successo e redattore capo della prestigiosa rivista francese Elle) rimase poi vittima di una rara sindrome che lo paralizzò dalla testa ai piedi rinchiudendolo nel suo stesso corpo, come in uno scafandro. L’uomo dettò la sua autobiografia, da cui è tratto il film di Schnabel, in poco più di un anno utilizzando solo il battito di una palpebra, l’unica parte del corpo che era in grado di governare, perché per ogni altra funzione dipendeva dalle macchine. Un calvario di 16 mesi (Bauby si spense il 9 marzo 1997, dieci giorni dopo la pubblicazione del volume), ma anche un incredibile inno alla vita, vista e vissuta attraverso quell’occhio capace di esprimere tutta la profonda essenza di un uomo così umiliato e imprigionato, ma libero come una farfalla, nei battiti di quelle palpebre.
È possibile che l’essere umano travolto da un’improvvisa, terribile tragedia scopra la sua vera natura e il senso più profondo della vita? Dobbiamo ammalarci ed esplorare i meandri dell’inferno perché ci appaia un angelo pronto ad aiutarci? Parte da queste domande Schnabel per dare vita a un autentico capolavoro intriso di straordinaria umanità, poesia, persino ironia, com’era nelle corde dello sfortunato Bauby, interpretato dal bravo Mathieu Amalric. Ma c’è anche profonda disperazione. Come quando, appena appreso a comunicare con il movimento delle palpebre, le sue prime parole sono: “Voglio morire”. “Parole oscene e irrispettose” secondo la sua fisioterapista (Emmanuelle Seigner) che a quell’uomo sta dedicando tutta se stessa. E Bauby scoprirà come la vita valga la pena di essere vissuta comunque.
Le infermiere, la moglie, i figli (delicatissima la scena del mare), gli amici, tutti si adattano alla sua nuova condizione e lo incoraggiano ad andare avanti in un viaggio che riserva anche momenti di ironia, non certo inaspettati per chi ha conosciuto direttamente certe situazioni di fragilità estrema: perché la capacità degli uomini di trovare risorse positive dentro se stessi è davvero infinita.
Commovente tra le altre scene, a volte amare a volte dolcissime, anche un altro momento forte della pellicola: la telefonata con l’anziano padre invalido, disperato per non poter stare accanto al proprio figlio.
Un tema, quello dell’intangibilità e sacralità della vita, spesso tabù sul grande schermo o affrontato piuttosto per ribadire il diritto all’eutanasia, è trattato da Schnabel in maniera sorprendente. Il regista ci ricorda infatti che anche un’esistenza apparentemente così miserabile può ancora riservare gioia e serenità, emozioni e sogni da cercare tra memorie e immaginazione. Intrappolato, con il protagonista, tra membra inerti per quasi un’ora, lo spettatore assiste quasi con l’occhio stesso di Bauby (e di Schabel) alle vicende che si dipanano sullo schermo con quello stesso sguardo, ascoltando la voce di un uomo che nei suoi monologhi interiori si chiede se quella si possa chiamare vita, che rimpiange cose mai dette, gesti mai compiuti, amore mai dato, la gioia perduta senza però mai perdere, persino, un innato senso dell’umorismo.
Un film importante, anzi necessario: in tempi di dibattiti gridati e furenti rivendicazioni di presunti “diritti” di morire, di battaglie ideologiche giocate sul concetto scivoloso di “qualità della vita”, il film è un invito a fare silenzio. Di fronte a qualcosa di più grande.