Frequenza scolastica e limiti di assenze a.s.2017/2018

Si comunica agli studenti e alle loro famiglie, che il Ministero con circolare n° 20 del 4 Marzo 2011 ha fornito alcune indicazioni finalizzate a una corretta applicazione delle norme relative agli artt. 2 e 14 del D.P.R. 122 del 22 Giugno 2009. Si ribadiscono i seguenti punti :
a) monte ore annuale : è previsto esplicitamente come base di riferimento per la determinazione del limite minimo di presenza e consiste nell’orario complessivo di tutte le discipline e non nella quota annuale di ciascuna disciplina. Perciò, in base all’ordinamento scolastico, il monte ore di riferimento risulta così distribuito:
Classi  III  IPSEOA   e   V IPSEOA   
Ore settimanali  32 x settimane  33  =  monte ore annuale   ore  1.056
- 3/4 presenza richiesto: ore  792
- massimo consentito di assenze: ore 264
Classe  V Linguistico
Ore settimanali  30 x settimane  33  =  monte ore annuale   ore  990
- 3/4 presenza richiesto: ore  742
- massimo consentito di assenze: ore 248    
b)  personalizzazione del monte ore annuo : è richiamata la normativa del DPR  275/99 artt. 8 e 9, in base  alla quale sono considerati come rientranti nel monte ore  annuale di ciascun allievo tutte le attività di formale valutazione intermedia   e finale da parte del Consiglio di Classe.
c) deroghe : è richiamato l’art. 14-comma 7 del Regolamento, che prevede, per casi  eccezionali e motivati, deroghe al limite minimo di presenze stabilito. Tali  deroghe sono previste per assenze documentate e continuative, a condizione che tali assenze non  pregiudichino,  a giudizio del Consiglio di Classe, la possibilità di procedere alla valutazione degli alunni interessati.  Il Collegio Docenti, all’unanimità, definisce i  criteri per la concessione delle deroghe per assenze dovute a :
                          - gravi motivi di salute adeguatamente documentati;
                          - terapie e cure programmate;
                          - partecipazione ad attività sportive e agonistiche organizzate da federazioni riconosciute dal CONI, in base alla nota n° 2065 del 2 Marzo 2011;
                          - gravi e comprovati motivi di famiglia.
Alle  famiglie verrà comunicato il numero di assenze accumulate da ogni studente dopo lo scrutinio del primo periodo e a metà del secondo periodo.  Durante lo scrutinio finale, in base alla delibera dei Collegi Docenti, qualora un alunno abbia superato il numero di assenze consentito, si procederà a verbalizzare la non validità dell'anno scolastico oppure  la validità in base alle deroghe stabilite.