"FAME jr. The Musical"

Mercoledì 1 aprile 2015 presso il  teatro Nuovo di Borgomanero, gli alunni delle classi 2° - 3° - 4° del liceo linguistico assisteranno allo spettacolo in lingua inglese: FAME jr. The Musica di David De Silva, José Fernandez, Jacques Levy e Steve Margoshes. David De Silva nasce a New York nel 1941. In gioventù persegue un percorso di studi comune a molti, ottenendo una laurea in storia e preparandosi a diventare professore. Eppure l’amore per i musical di Broadway lo porta a cambiare completamente carriera, facendogli cominciare gli studi per diventare attore. Poi arriva l’idea della vita: Fame. Ideato da De Silva come musical per il teatro, il progetto viene trasformato nel film diretto da Alan Parker nel 1980; nel 1982 va in onda la serie televisiva e solo nel 1988, a Miami, debutta Fame The Musical. Lo spettacolo, in scena a Londra nel 1995, ottiene due nomination ai Laurence Olivier Awards e arriva a Broadway nel 2003, restando in cartellone per 304 repliche. De Silva ha anche immaginato un sequel, Fame Forever: Talent Springs Eternal (2007), che racconta, vent’anni dopo, il destino dei protagonisti originali del musical e le storie dei nuovi studenti della scuola d’arte. Il legame tra autore ed opera è così forte che De Silva è conosciuto anche come “Father Fame”. La trama di Fame jr. The Musical ritrae un gruppo di talentuosi e appassionati studenti della High School of Performing Arts di New York negli anni ’80. Tra loro c’è Nick, aspirante attore che è troppo concentrato sugli studi per accogliere le avances di Serena, la compagna di corso innamorata di lui; Schlomo, il violinista, che si invaghisce della bella Carmen, ambiziosa e promettente ballerina, che lascerà la scuola per inseguire il suo sogno a Los Angeles; e Tyrone, ballerino di talento ma scarso nelle materie accademiche. Accanto a loro troviamo l’insegnante di danza, Greta Bell, e quella di letteratura Esther Sherman, entrambe desiderose di dare agli studenti la possibilità di realizzarsi, sia come artisti che come persone. “Fame - dichiarò lo stesso De Silva - racconta dell’amore per l’arte vissuto da alcuni adolescenti e di quanto sia importante nella loro crescita e formazione umana. È sorprendente poter scoprire quale grande influenza positiva possa avere sulla crescita di un adolescente lo studio di una di queste discipline”.  Alcune note di regia segnalano che Film di danza recenti come Step Up, Honey, High School Musical, e ovviamente il remake del 2009 dello stesso Fame, influenzano quest’inedita produzione diretta dal regista Daryl Branch (The Beatles, Guys & Dolls Jr., Hamlet, Grease). Le sensazionali melodie sono rielaborate in chiave moderna senza perdere il vigore e la riconoscibilità dei pezzi originali, e la coreografa Sophie Emma Bastock (Guys & Dolls Jr., Hamlet, Grease), facendosi ispirare da questi brani, dà una svolta urbana ai numeri di danza che lasciano gli spettatori senza fiato. Il set rappresenta la celebre High School of Performing Arts dove, in aule ben distinte e caratterizzate da complementi specifici (lavagne, specchi e sbarre per la danza, strumenti musicali, ecc...), si tengono le lezioni dei vari corsi di recitazione ballo e musica. Nella realtà scolastica irrompe spesso il mondo che gli studenti sognano, quello della Fama, del successo, evocato tramite effetti luce e sofisticate proiezioni di immagini elettrizzanti e multicolori. Così come l’ambientazione, anche il design dei costumi ha una decisa impronta urbana e moderna, con qualche concessione in più al rigore per le insegnanti. Tutti gli studenti hanno un look decisamente informale, ma ognuno di essi ha uno stile proprio e inconfondibile, che lo caratterizza e differenzia dagli altri, stile che evolve parallelamente all’evoluzione dei personaggi nel corso dello spettacolo. Una performance ricca e multisensoriale, in cui la comprensione della trama e l’aspetto didattico mantengono un ruolo centrale e sono garantiti da una recitazione curata e una mirata gestualità.